30 novembre 2016

Trust Vrenna: condannata Repubblica per un articolo sull’ex Procuratore Franco Tricoli

L’INCHIESTA/ A Crotone costruttore condannato assume capo della Procura
Il togato si difende: “Quel che farò dopo la pensione sono affari miei”

Se il giudice entra in affari con l’imprenditore mafioso

È costato caro questo titolo al quotidiano La Repubblica, gruppo L’Espresso, nell’articolo del 14 agosto 2008 a firma di Attilio Bolzoni. Il Got del Tribunale di Crotone, Vittoria Calà, ha infatti condannato in fase civile il Gruppo L’espresso e l’allora direttore di La Repubblica, Ezio Mauro, al risarcimento nella causa intentata dall’ex Procuratore Capo della Repubblica presso il Tribunale di Crotone Franco Tricoli. Il giudice, Calà, invece ha rigettato la richiesta di Tricoli nei confronti del giornalista Attilio Bolzoni. La vicenda è quella che nell’agosto del 2008 portò l’imprenditore Raffaele Vrenna, allora condannato col rito abbreviato per i reati tra cui concorso esterno in associazione mafiosa, falso e corruzione (poi assolto prima in Corte d’Appello e poi definitivamente dalla Corte di Cassazione), ad attivare la procedura del Trust per salvaguardare le aziende e i posti di lavoro. Procedura per la quale c’è ancora un procedimento in corso, ma proprio nei giorni scorsi la sezione Misure di prevenzione della Corte d’Appello di Catanzaro nel rigettare la richiesta di confisca avanzata dalla Dda di Catanzaro per i fratelli Vrenna, ha anche dichiarato lecito il trust attuato con l’ex giudice Franco Tricoli. L’articolo in questione, comunque, apparso sul quotidiano a tiratura nazionale il 14 agosto del 2008, è stato ritenuto lesivo e diffamatorio dal giudice Calà che ha condannato Repubblica e il Gruppo L’Espresso al risarcimento dei danni nei confronti di Franco Tricoli, al pagamento delle spese processuali e alla pubblicazione della sentenza sullo stesso quotidiano. Nel corso del processo il giudice Tricoli era rappresentato dal figlio Luca in qualità di legale.

fonte: CrotoneNews del 30 novembre 2016